it en es

SARDEGNA ROSSOBLU

L'identità culturale del popolo sardo come bene primario da valorizzare e promuovere.

Sardi nel mondo, sono 124mila gli iscritti all'Aire

Ricerca Acli Crei, 87% degli emigrati vive in Europa

28/04/2021 09:57
Descrizione
 
Commenti
 

DI STEFANO AMBU

I sardi nel mondo iscritti all'Aire (l'anagrafe degli italiani residenti all'estero) sono 123.212. Ma l'87% non è andato lontanissimo: vive in Europa, quasi la metà tra Francia e Germania.

Solo il 9,2% è andato a finire in America. Basse percentuali in Africa, Asia e Oceania, con un picco dell'1,6% tra Australia e Nuova Zelanda. Sono i numeri presentati oggi dal ricercatore Marco Sideri, nel corso di un incontro, Sardi nel mondo 2020, organizzato da Acli Crei.

La maggior parte dei sardi all'estero ha un'età compresa tra 25 e 64 anni. Ma è forte anche la percentuale di giovani sotto i 24 anni: 26.256. I sardi in Europa sono soprattutto in Germania e Francia: i due Paesi accolgono circa il 47% degli emigrati. Gli altri si dividono in particolare tra Belgio, Regno Unito, Svizzera. In America lo Stato più "sardo" è l'Argentina, seguito da Stati Uniti, Brasile e Canada. I giovani finiscono soprattutto in Germania, Francia, Belgio e Regno Unito. Mentre il Paese più accogliente per gli over 65 è la Francia.

"Sarebbe bello incoraggiare e incentivare politiche di ritorno sia per i giovani sardi, sia per gli over 65", ha detto Mauro Carta, presidente Crei-Acli  D'accordo anche l'assessora regionale del Lavoro Alessandra Zedda che però, sta puntando, anche a mantenere vivo il legame tra chi è fuori e la Sardegna: "Portano l'immagine dell'isola nel mondo - ha spiegato - e sono dei testimonial non solo dei nostri prodotti gastronomici ma di tutto il territorio. Stiamo incentivando anche l'uso dell'attrezzatura tecnologica in questi tempi di pandemia per stare più vicini e progetti per rimanere in costante collegamento. Mi piacerebbe in futuro che più che di circoli si parlasse di comunità".

Un'indagine sui dati Aire ha evidenziato che il Comune sardo che, in rapporto al numero di abitanti, ha dato più emigranti è Bidonì, in provincia di Oristano, con il 72%. Seguito da Sindia, Senis, Montresta e Ballao. I circoli sardi nel mondo sono 110 e coinvolgono circa 30mila associati. Il numero più alto di comunità è in Germania: 10. Sulla possibilità di ritorno critico Alberto Delogu, da Ginevra: "Chi è andato via lo ha fatto anche perché non soddisfatto del sistema scolastico e universitario e della possibilità di fare impresa. Bisognerebbe cambiare queste condizioni, che non dipendono comunque dalla Sardegna. Vedo più possibile un ritorno per chi continua a vedere la Sardegna come un punto di riferimento. Ma solo dopo che ha finito di lavorare".