it en es

SARDEGNA ROSSOBLU

L'identità culturale del popolo sardo come bene primario da valorizzare e promuovere.

Musica teatro e danza popolare, torna "Mare e miniere"

Portoscuso ospita la rassegna dal 21 al 27 giugno

18/05/2021 09:59
Descrizione
 
Commenti
 
Ottantanove anni il prossimo luglio, Luigi Lai, celebre e raffinato maestro di launeddas, è tra i nomi di spicco di "Mare e Miniere". La 14esima rassegna di musica, teatro e danza di matrice popolare si svolgerà dal 21 al 27 giugno in uno scenario identitario, l'antica tonnara di Su Pranu, a Portoscuso.

Il 22 giugno Lai sarà tra i protagonisti di un recital dedicato alla memoria di Giovanni Ardu, una delle quattro voci di Su Cuncordu 'e su Rosariu, il coro della Confraternita del Rosario del paese di Santu Lussurgiu.

La serata, tra musica, immagini, ricordi e testimonianze, vedrà la partecipazione anche del regista Gianfranco Cabiddu e di molti musicisti del cast di "Sonos 'e memoria", il celebre cine-concerto da lui ideato e diretto nel 1995: Luigi Lai, Mauro Palmas, la cantante Elena Ledda, il contrabbassista Furio Di Castri, il percussionista Federico Sanesi, oltre allo stesso Cuncordu 'e su Rosariu. È una delle date di un ricco programma di concerti e seminari di canto, musica e danza popolare. Organizzata dall'associazione culturale Elenaledda Vox, direzione artistica del compositore e polistrumentista Mauro Palmas, dal 2006 la rassegna si svolge tra centri e località del sud Sardegna legati al mare e alla storia mineraria dell'Isola.

Accanto ai seminari è stato allestito un cartellone di concerti con artisti e formazioni di spicco nel campo della ricerca e sperimentazione intorno alle musiche tradizionali del bacino mediterraneo: l'orchestra Musica Spiccia, l'arpista Vincenzo Zitello, Stefano Saletti con la Banda Ikona, il polistrumentista curdo Mübin Dünen, Valerio Corzani con l'ensemble La Lusignuola, Andrea Piccioni con i suoi tamburi a cornice, i Trouveur Valdotèn, il trio napoletano Suonno D'Ajere. Tra i sardi, i Cordas et Cannas in versione acustica e il bandoneonista Fabio Furia in duo con il chitarrista Alessandro Deiana. A precedere la rassegna, due diverse anteprime in collaborazione con l'associazione "L'Officina delle idee".