it en es

SARDEGNA ROSSOBLU

L'identità culturale del popolo sardo come bene primario da valorizzare e promuovere.

Turismo: dall'1 giugno alla Pelosa torna il numero chiuso

Sino al 30 settembre prenotazione per il biglietto d'ingresso

24/05/2021 10:15
Descrizione
 
Commenti
 
Anche quest'anno nella spiaggia della Pelosa di Stintino sarà attivo il numero chiuso. Lo preannuncia l'amministrazione comunale del piccolo borgo turistico in provincia di Sassari con una nota in cui comunica, tra le altre cose, di aver affidato la concessione dei servizi per i bagnanti alla Vosma.
 A breve sarà disponibile il sistema di prenotazione online.
    Dall'1 giugno al 30 settembre la società sassarese gestirà il controllo degli accessi, della prenotazione e del pagamento, ma anche di informazione e sensibilizzazione ambientale, servizi di balneazione e accessibilità per i diversamente abili.
    Gli accessi saranno regolamentati dalle 8 alle 18 e si prevede una presenza massima di 1500 fruitori giornalieri. Il contributo di accesso sarà di 3,50 euro. Sono esclusi dal numero chiuso gli under 12. Sarà usato lo stesso sistema di prenotazione che lo scorso anno ha fatto registrare circa 100 mila prenotazioni.
    "Alla Pelosa abbiamo dedicato grande attenzione e risorse perché crediamo nel suo recupero", dice il sindaco Antonio Diana.
    "Andiamo avanti col progetto che porterà alla eliminazione della strada asfaltata e nei prossimi giorni presenteremo in consiglio comunale la variante urbanistica sulla viabilità", aggiunge.
    Come dice il vicesindaco Angelo Schiaffino, "la Pelosa è una spiaggia molto popolare e va gestita al meglio, la scelta del numero chiuso ha consentito un salto di qualità dal punto di vista dell'immagine, dei servizi e della tutela ambientale".
    Per Francesca Demontis, assessora del Turismo, "l'esperienza dello scorso anno è servita ad avviare una macchina che ora è rodata". La stagione, secondo lei, "si preannuncia interessante nonostante le incognite del Covid, speriamo che presto possano essere vaccinati anche gli operatori turistici".