it en es

SARDEGNA ROSSOBLU

L'identità culturale del popolo sardo come bene primario da valorizzare e promuovere.

Covid: riaprono le palestre Tanta voglia di allenarsi

Ingressi limitati al 50%, distanze interpersonali e niente docce

25/05/2021 10:02
Descrizione
 
Commenti
 
Palestre riaperte anche in Sardegna. Con tanta voglia di riprendere.
Non solo da parte dei gestori che hanno investito negli anni scorsi in strutture e attrezzature, ma anche da parte degli appassionati di pesi, spinning e di tapis roulant.
    "Già dalle scorse settimane - spiega all'ANSA Davide Dotta, palestra Athlon di Cagliari - abbiamo ricevuto tante chiamate per richiedere informazioni sulle possibili riaperture. E oggi la risposta è stata positiva: dalle 6 del mattino registriamo un buon flusso di frequentatori. Siamo ancora alle prese con il contingentamento: rispetto al periodo pre Covid la capienza è ridotta al 50 per cento. Ma è pur sempre una ripartenza". Presto si potrebbe passare zona bianca: "Con la speranza - continua Dotta - di tornare presto alla totale normalità. Importante però constatare che il movimento, nonostante tutto, non si è perso".
    Le abitudini in palestra sono cambiate in base alle nuove normative anti pandemia. "Ormai le persone sanno già quali sono regole e comportamenti - osserva Dotta - le principiali novità riguardano la distanza, la disinfezione delle attrezzature e il divieto di utilizzare gli spogliatoi per la doccia. Ma siamo contenti che si ripeta: l'impressione è sicuramente positiva".
    In Sardegna le palestre vere e proprie sono - secondo un report pre Covid di Confartigianato - sono 110. Ma tra gestione di impianti sportivi, circoli e altri enti e organizzazioni si arriva a 433 aziende sportive. Da oggi in zona gialla l'apertura di palestre è consentita nel rispetto dei protocolli e delle linee guida adottati dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, dipartimento per lo sport sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), sulla base di criteri definiti dal Comitato tecnico-scientifico. Deve essere assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno due metri.
    E i locali devono essere dotati di adeguati sistemi di ricambio dell'aria, senza ricircolo.