it en es

SARDEGNA ROSSOBLU

L'identità culturale del popolo sardo come bene primario da valorizzare e promuovere.

Coldiretti, 4 aziende su 10 verso agricoltura di precisione

Investimenti previsti per i prossimi 5 anni

27/05/2021 11:46
Descrizione
 
Commenti
 

L'81 per cento dei giovani agricoltori sardi ritiene l'innovazione un elemento importante per le imprese agricole, mentre oltre 7 su 10 boccia il Psr sardo. È quanto emerso dalla prima tappa dell'Innovation tour che si è tenuta online in Sardegna ed è stata organizzata da Coldiretti Giovani Impresa Sardegna, coinvolgendo oltre 100 imprenditori agricoli.

Focus della giornata è stato il tema della promozione e commercializzazione dell'agroalimentare approfondito dal consulente Massimo Cugusi e dalla testimonianza del giovane Mauro Loddo del birrificio agricolo Marduk.

Si è discusso anche del modello Akis, "Sistema di conoscenza e innovazione in campo agricolo" che avrà un ruolo strategico nella prossima programmazione della Pac.

Sono state presentate due analisi condotte dalla Coldiretti in tutta Italia: la prima, che ha coinvolto 5,4 mila aziende, sull'adozione delle innovazioni in agricoltura e la seconda (8,5 mila aziende) su opinioni e considerazioni circa la futura Pac.

Dalla prima è emersa la consapevolezza dell'importanza dell'innovazione come elemento competitivo. Il 76% delle aziende agricole sarde intervistate è soddisfatto dell'utilizzo delle tecniche di agricoltura di precisione e si ritiene (78%) soddisfatto dei risultati economici raggiunti. Il 38% degli intervistati ha anche svelato che nei prossimi 5 anni investirà sull'agricoltura di precisione. "Emerge che l'agricoltura di precisione - ha commentato il segretario nazionale dei Giovani della Coldiretti Stefano Leporati - costituisce una prospettiva per il futuro su cui occorre investire e fare formazione".

Nell'altra analisi gli agricoltori sardi intervistati hanno bocciano il Piano di sviluppo rurale. "Le difficoltà in agricoltura sono tante e come Coldiretti siamo in prima fila con delle proposte concrete per superarle - afferma il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu - ma da imprenditori dobbiamo prendere esempio dai giovani che con entusiasmo e passione guardano avanti e non si fermano a cercare fuori dall'azienda dei capri espiatori ma si mettono in gioco e mettono in campo entusiasmo, passione e competenza".